Villekulla small Design

[ Design per l'Infanzia ]

Le “Toy Stories” di Gabriele Galimberti

Qual è stato il vostro giocattolo preferito da bambini?

Quello che vi ha accompagnato negli anni anche se brutto, rotto, riparato con lo scotch o scolorito? Ve lo ricordate? Ciascun bambino, a prescindere dalla latitudine in cui vive o dalle condizioni economiche in cui si trova a vivere ha il suo gioco del cuore, quello che, anche se circondato da una o molte altre alternative, rappresenta l’oggetto di cui non si può fare a meno.

In alcuni contesti qualcuno potrà forse permettersi di avere molti giochi preferiti, in altri, è assolutamente impossibile ma, agli occhi dei bambini, ce ne sarà sempre uno che resterà più impresso nella memoria, magari legato ad un momento, a una persona, a un luogo, a una sensazione e che, se ritrovato per caso o rivisto in una vecchia foto, saprà rievocare antiche emozioni.

Il fotografo Gabriele Galimberti, nel progetto fotografico TOY STORIES, di cui vi mostro alcune immagini esplora con delicatezza tale relazione, ritraendo, di volta in volta, attimi di esistenza che non torneranno più e dei quali i piccoli di certo non hanno coscienza. La ricerca, squisitamente etnografica, nasce in seno al giro per il mondo che Galimberti sta compiendo da couchsurfer-reporter per il periodico D La Repubblica delle Donne, sul quale, nella rubrica C’è posto per D? compaiono, ogni settimana, una fotografia e un’ intervista della famiglia che lo ha ospitato. Vi riporto l’intervista che Gabriele mi ha gentilmente concesso al suo rientro dalla Colombia dopo 18 mesi di viaggio! Il progetto, ancora in lavorazione, sarà presto pubblicato dalla casa editrice svizzera Riverboom.

A che età hai iniziato a fotografare?

HO INIZIATO A FOTOGRAFARE INTORNO AI 14 ANNI CON UNA VECCHIA CANON CHE MI AVEVA REGALATO MIO PADRE, LA TENEVO SEMPRE SOTTO LA SELLA DELLA MIA VESPA E FOTOGRAFAVO GLI AMICI IN CONTINUAZIONE. MI DIVERTIVO A COSTRUIRE DELLE SPECIE DI FOTOROMANZI USANDO GLI AMICI COME MODELLI/ATTORI.

Come nasce il progetto Toy Stories?

L’IDEA E’ NATA NELL’ESTATE 2010 QUANDO UN MIO CLIENTE MI CHIESE DI FOTOGRAFARE UNA BAMBINA TIPICAMENTE TOSCANA MENTRE GIOCAVA. NON SAPEVO ESATTAMENTE CHE ASPETTO AVESSE UNA “BAMBINA TIPICAMENTE TOSCANA” MA DOPO AVER FATTO VISITA AD ALCUNI AMICI CON FIGLIE MI SONO IMBATTUTO IN ALESSIA, LA FIGLIA DI UNA MIA CARA AMICA. QUANDO SONO ARRIVATO A CASA SUA, UNA FATTORIA NEL MEZZO DELLE CAMPAGNE TOSCANE, ALESSIA STAVA GIOCANDO NELLA STALLA DELLE MUCCHE CON DEI PICCOLI STRUMENTI AGRICOLI DI PLASTICA, CHE HO POI SCOPERTO ESSERE I SUOI GIOCHI PREFERITI!
L’HO QUINDI FOTOGRAFATA CON QUEGLI STRUMENTI E POI, SODDISFATTO DELLA FOTO, HO DECISO CHE AVREI PROVATO A FARE LA STESSA COSA IN OGNI POSTO CHE AVREI VISITATO DURANTE IL MIO GIRO DEL MONDO. HO QUINDI FOTOGRAFATO, OGNI VOLTA, UN BAMBINO/A TRA I 3 E I 6 ANNI CON I SUOI GIOCHI PREFERITI.

Come contatti le famiglie o i singoli genitori?

HO FATTO IL GIRO DEL MONDO IN COUCHSURFING… QUESTO SIGNIFICA CHE IN OGNI POSTO SONO STATO OSPITE DI QUALCUNO.
SONO STATE POI LE PERSONE CHE MI OSPITAVANO AD AVERMI PRESENTATO ALLE FAMIGLIE DEI BAMBINI FOTOGRAFATI. SPESSO ERANO PARENTI DEI “MIEI” COUCHSURFERS, ALTRE VOLTE VICINI DI CASA O AMICI DI AMICI.

Qual è il tuo approccio con i bambini, cosa chiedi loro?

DI SOLITO INIZIO A GIOCARCI AIUTATO DALLA MIA MACCHINA FOTOGRAFICA. BASTA FARGLI QUALCHE FOTO E POI MOSTRARGLIELA PER INIZIARE SUBITO UNA SORTA DI GIOCO. QUASI SEMPRE SI DIVERTONO A POSARE E POI RIGUARDARSI. POI, QUANDO HO CONQIUSTATO QUESTA FIDUCIA, GLI CHIEDO DI MOSTRARMI I LORO GIOCHI PREFERITI E INIZIO A GIOCARE CON LORO. PIAN PIANO LI DISPONGO COME VOGLIO, IN MANIERA GEOMETRICA. CREO UN SET DOVE POI I BAMBINI POSANO IN MEZZO AL LORO MONDO FATTO DI GIOCHI.

Cosa ti sorprende ogni volta?

NON C’è UNA COSA CHE MI SORPRENDE SEMPRE ALLO STESSO MODO. OGNI BAMBINO HA LA SUA SORPRESA, A VOLTE BELLA E A VOLTE NON.

Avere Molti giochi o molto pochi, retorica a parte, cosa cambia? Cosa hai notato nel tuo giro del mondo?

HO NOTATO CHE AVERE MOLTI O POCHI GIOCHI NON CAMBIA MOLTO NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI… QUELLO CHE CAMBIA MOLTO è IL MODO IN CUI I BAMBINI GIOCANO. TENDENZIALMENTE NEI PAESI DOVE SI HA MENO, SONO I RAPPORTI INTERPERSONALI A PREVALERE. I BAMBINI CHE HANNO POCHI GIOCHI TENDONO A STARE PIù IN COMPAGNIA E A CONDIVIDERE CIO’ CHE HANNO CON GLI ALTRI, VICEVERSA NEI PAESI DOVE SI HA DI PIù. OVVIAMENTE NON ME LA SENTO DI GENERALIZZARE, IO HO VISTO è FOTOGRAFATO CIRCA 50 PAESI DIVERSI IN 18 MESI, è STATA UNA SPECIE DI CORSA VELOCE LA MIA E NON HO AVUTO MODO DI APPROFONDIRE VERAMENTE I MODI DI VIVERE DI OGNI POSTO.

Nei tuoi scatti risalta l’ordine rigoroso con cui sono disposti i giochi, è una questione formale o vuoi suggerire qualcosa circa l’identità del soggetto?

NON SO ESATTAMENTE PERCE’ HO INIZIATO A SCATTARE COSì QUESTA SERIE DI FOTO… LA PRIMA (QUELLA DELLA BAMBINA CON LE MUCCHE) è STATA UN INTUIZIONE VENUTA PER CASO, POI, MI è PIACIUTO IL RISULTATO E HO CONTINUATO SU QUELLA LINEA!

In un qualche modo “congelando” un preciso istante o momento felice delle infanzie altrui ne stai celebrando l’unicità. Lo scopriranno tutti quelli che si rivedranno fra vent’anni. La tua immagine preferita di te da piccolo dove ti ritrae?

LA MIA IMMAGINE DI ME DA PICCOLO MI RITRAE SEDUTO IN POLTRONA CON LA CORNETTA DEL TELEFONO (QUELLO VECCHIO CON I NUMERI CHE GIRANO) ALL’ORECCHIO. MIA MAMMA SI RICORDA CHE STAVO PARLANDO IN UNA LINGUA INVENTATA DA ME E CHE LE HO DETTO CHE STAVO SALUTANDO UN AMICO CHE VIVEVA LONTANO!

Tutte le immagini sono pubblicate per gentile concessione dell’autore. Qui potete scoprire il resto del suo lavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/04/2012 da in Fotografia, Gioco e Giocattoli, Uncategorized con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: